M.I.S.E. 42^ EMISSIONE 2022, del 28 Settembre, di un francobollo celebrativo dello scoppio della polveriera di Falconara, nel centenario della ricorrenza

M.I.S.E. 42^ EMISSIONE 2022, del 28 Settembre, di un francobollo celebrativo dello scoppio della polveriera di Falconara, nel centenario della ricorrenza, con valore indicato in B.

  • data: 28 settembre 2022
  • dentellatura: 11
  • dimensioni francobollo: 30 x 40 mm
  • stampa: in rotocalcografia
  • tipo di cartasu carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente; grammatura: 90 g/mq; supporto: carta bianca, Kraft monosiliconata da 80 g/mq; adesivo: tipo acrilico ad acqua, distribuito in quantità di 20 g/mq
  • stampato: I.P.Z.S. Roma
  • tiratura: 300.000
  • valoreB = € 1,20
  • colori: due
  • bozzettistaA. De Paoli
  • num. catalogo francobolloMichel ______ YT _______ UNIF ________
  • Il francobollo: La vignetta riproduce il disegno della scultura monumentale “Metamorfosi della Fenice”, opera creata dall’artista Antonio De Paoli in occasione del centenario dello Scoppio di Falconara. Completano il francobollo le legende “Lerici – 28 settembre 1922” e “Scoppio della polveriera di Falconara”, la scritta “Italia” e l’indicazione tariffaria “B”.

Se sei interessato all’acquisto di questo francobollo lo puoi acquistare al prezzo di € 1,70; basta inviare una richiesta alla email: [email protected]

Lo scoppio di Falconara si è verificato alle 2:58 del 28 settembre 1922 in una polveriera situata nei dintorni di San Terenzo, frazione del comune di Lerici, in provincia della Spezia, causando circa 143 morti ed oltre 800 feriti.

un’articolo sul triste accaduto da parte del Secolo XIX

L’esplosione[

Nella notte del 28 settembre 1922 la zona del golfo della Spezia era interessata da un violento temporale che si stava protraendo da due giorni. Alle 2:58 un fulmine colpì la batteria di Falconara, struttura che faceva parte del sistema fortificato del Golfo della Spezia ed al cui interno alla fine della prima guerra mondiale erano state stivate 1.500 tonnellate di esplosivo nonostante la sua prossimità al villaggio di San Terenzo. 

Ecco una triste immagine dell’accaduto


Lo scoppio, che fece saltare letteralmente in aria la struttura, causò poi una enorme onda d’urto che travolse non solo i circostanti uliveti ma anche le località di San Terenzo, Lerici, Pitelli, Pertusola, Muggiano, Pugliola causando enormi danni, scoperchiamenti di tetti e circa 150 vittime ed oltre ottocento feriti. Danneggiamenti vennero segnalati anche nel sobborgo spezzino di Fossamastra.

Immediatamente vennero attivati i soccorsi ai quali presero parte sia gli uomini della Regia Marina di stanza alla Spezia, sia le varie pubbliche assistenze dei paesi vicini. Nei giorni seguenti, nonostante la gravità della situazione, si moltiplicarono i gesti di solidarietà da parte delle varie città italiane verso la popolazione civile colpita dalla sciagura. Per quanto riguarda i “protagonisti della ricostruzione” un ruolo fondamentale lo ebbe il presidente della Camera di Commercio, Gervasio Pellegrino Carpanini, già sindaco di Lerici. Attorno a lui ruotarono un consistente numero di autorità, istituzioni, comitati, e privati cittadini, ma un ruolo fondamentale lo assunse il Sindacato Italiano delle Cooperative del Partito Nazionale Fascista, che assunse il controllo politico e finanziario della vicenda. L’opera di ricostruzione, all’inizio guidata da gruppi di fascisti e di ex combattenti, fu proseguita da impresari privati, in rappresentanza della Federazione Fascista. Fu possibile in questa prima fase utilizzare le risorse provenienti dal “fondo” raccolto dal comitato regionale del Soccorso.

Il logo “Falconara 100 1922-2022” – per non dimenticare –

Il 4 ottobre successivo vennero celebrati a Spezia i funerali delle vittime alla presenza del presidente del Consiglio Luigi Facta (articolo estrapolato dal sito Wikipedia).

Se sei interessato all’acquisto di questo francobollo lo puoi acquistare al prezzo di € 1,70; basta inviare una richiesta alla email: [email protected]

Ti potrebbe interessare anche...