POSTE ITALIANE 93^ EMISSIONE DEL 12 DICEMBRE 2020 DI UN FRANCOBOLLO dedicato a Tonino Guerra, nel centenario della nascita

Il Ministero dello Sviluppo con le Poste Italiane emette il 12 dicembre 2020 un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “le Eccellenze italiane dello spettacolo” dedicato a Tonino Guerra, nel centenario della nascita, relativo al valore della tariffa B, corrispondente ad € 1.10.

  • data: 12 dicembre 2020
  • dentellatura: 11
  • stampa: rotocalcografia
  • tipo di cartacarta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente
  • stampato: I.P.Z.S. Roma
  • tiratura: 500.000
  • dimensioni: 30 x 430 mm
  • valoreB = €1.10
  • bozzettista: a cura del Centro Filatelico della Direzione Operativa dell’Istituto poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.
  • num. catalogoMichel______ YT _______ UNIF 4118
  • La vignetta: delimitata in basso da una banda, riproduce un ritratto fotografico di Tonino Guerra. Completano il francobollo la leggenda “TONINO GUERRA” , le date “1920 – 2012” la scritta “ITALIA” e l’indicazione tariffaria “B”. Nota: per la foto raffigurante Tonino Guerra © Aris Papadopoulos.

Se sei interessato all’acquisto di questo francobollo lo puoi acquistare al prezzo di € 1.50 inviandomi una richiesta alla email:[email protected]

Antonio Guerra, detto Tonino (Santarcangelo di Romagna, 16 marzo 1920 – Santarcangelo di Romagna, 21 marzo 2012), è stato un poeta, scrittore e sceneggiatore italiano.

Biografia

Tonino Guerra nacque a Santarcangelo da Odoardo e Penelope Carabini, ultimo di quattro figli. Seguì corsi regolari di studi. Alle Scuole medie ebbe come insegnante Augusto Campana, che divenne poi un famoso docente universitario. Si diplomò alle Scuole magistrali di Forlì. Poi s’iscrisse all’università. Dapprima scelse Venezia, poi si trasferì nella più vicina Urbino, alla Facoltà di Pedagogia. Sin da giovane era appassionato di pittura. Dipingeva ad acquerello ed a inchiostro.
All’inizio di agosto 1944, terminata la sessione estiva degli esami, tornò a casa. Ma il giorno stesso in cui arrivò fu fermato e condotto alla locale Casa del Fascio. Individuato come antifascista, fu portato dapprima a Forlì e di qui a Fossoli (MO), nel locale Centro di raccolta per la manodopera in Germania. Venne deportato in Germania e rinchiuso in un campo d’internamento a Troisdorf.

«Mi ritrovai con alcuni romagnoli che ogni sera mi chiedevano di recitare qualcosa nel nostro dialetto. Allora scrissi per loro tutta una serie di poesie in romagnolo.»

Guerra, che conosceva a memoria i Sonetti romagnoli di Olindo Guerrini, li recitò ai compagni di prigionia per distrarli dall’angoscia e dalla nostalgia di casa. Poi iniziò ad inventare nuove poesie, che un compagno di prigionia copiava per lui a mano.

Dopo la fine del conflitto mondiale, nell’agosto 1945 ritornò a casa. Nel 1946 si laureò in Pedagogia all’Università di Urbino con una tesi sulla poesia dialettale romagnola. Avendo conservato le poesie composte nel campo di prigionia, le fece leggere a Carlo Bo, che ne rimase piacevolmente colpito. Il docente (e futuro rettore) riconobbe in esse «una volontà di pulizia interiore, un senso esatto delle cose e delle voci». Guerra decise dunque di pubblicarle, a sue spese. La raccolta s’intitolò I scarabocc (Gli scarabocchi); lo stesso Bo ne firmò la prefazione. Attorno a lui si formò a Santarcangelo un gruppo spontaneo di giovani poeti, di cui facevano parte anche Raffaello Baldini, Nino Pedretti e Gianni Fucci. Il gruppo si riuniva al “Caffè Trieste”, il bar gestito dai genitori di Raffaello Baldini. Alcuni concittadini chiamarono ironicamente questo sodalizio E’ circal de’ giudéizi (traducibile come “Il circolo del giudizio”). Guerra insegnò in una scuola di avviamento agrario nella vicina Savignano sul Rubicone.

Nel 1950 partecipò al “Premio letterario Cattolica”, nel cui ambito vinse il “Premio Emilia”, dedicato alla poesia dialettale emiliana o romagnola. In giuria sedevano tra gli altri Salvatore Quasimodo ed Eduardo De Filippo. Nel 1952 avvenne l’esordio narrativo con un breve romanzo, La storia di Fortunato, pubblicato nella collana Einaudiana “I gettoni”. La collana era diretta da Elio Vittorini, che avviò con il poeta romagnolo un lungo sodalizio, mantenuto anche dopo il passaggio alla Bompiani (L’equilibrioL’uomo parallelo). Nello stesso anno si sposò con Paola Grotti. Dall’unione nacquero due figli, Costanza e Andrea Guerra. Nel 1953 Tonino Guerra si trasferì a Roma, dove avviò una fortunata carriera di sceneggiatore. Durante la sua lunga attività collaborò con alcuni fra i più importanti registi italiani del tempo (Michelangelo Antonioni, Francesco Rosi, Federico Fellini, i fratelli Taviani, ecc.). Dalla collaborazione con il regista ferrarese Antonioni gli giunse anche la candidatura al premio Oscar nel 1967, per il film Blow-Up.

Negli anni settanta Tonino Guerra scrisse oltre venti film (sia per il cinema che per la televisione) e più di dieci libri. Nel 1974 firmò Amarcord, la sua prima sceneggiatura per Fellini. Nel 1975 conobbe, durante uno dei suoi viaggi in Russia, Eleonora Kreindlina. Se ne innamorò, sciolse il precedente matrimonio e la sposò nel 1977. La frequentazione della Russia, dell’Armenia e della Georgia (il romanzo La pioggia tiepida è dedicato «A tutti gli amici georgiani e alla loro bella terra») gli fece tornare la voglia di dipingere, passione che prese piede a partire dagli anni ottanta e che divenne la sua attività prevalente nell’ultima parte della vita. Nel 1983 scrisse per il regista russo Andreij Tarkovskij Nostalghia. Collaborò poi con Rosi (Carmen, 1984) ed i fratelli Taviani (La notte di San LorenzoKaosGood morning Babilonia e Il sole anche di notte). Con Fellini realizzò ancora Ginger e Fred (1986).

Nel 1989, quasi settantenne, decise di non andare in pensione ma di ricominciare e si reinventò come pittore, pur continuando a lavorare intensamente come sceneggiatore (collaborando principalmente con Theo Anghelopoulos e ancora con Michelangelo Antonioni in tutti gli ultimi film del regista ferrarese). Dopo avere sceneggiato film per grandi registi, dopo essere stato urbano e cosmopolita, lasciò Roma e si stabilì a Pennabilli, dove trascorse il resto della sua vita. Il centro dell’Appennino riminese gli conferì la cittadinanza onoraria in riconoscenza dell’amore dimostrato nei suoi confronti.

Guerra divenne famoso presso il grande pubblico nel 2001, come testimonial della catena di negozi di elettronica UniEuro, creando il tormentone dell’ottimismo (“Gianni, l’ottimismo è il profumo della vita!”), ripreso tra gli altri dal suo compaesano, e pronipote, Fabio De Luigi in un suo personaggio comico, l’Ingegner Cane. Nel 2006 apparve nel documentario Mattotti di Renato Chiocca, leggendo un estratto dalla sua raccolta di racconti Cenere. Nel 2010, in occasione dei suoi 90 anni, ricevette il David di Donatello alla carriera. Il 10 novembre 2010 fu insignito dall’Università di Bologna del Sigillum Magnum.

Morì all’età di 92 anni a Santarcangelo il 21 marzo 2012, in coincidenza con la celebrazione della Giornata Mondiale della Poesia istituita dall’Unesco. Le sue ceneri sono state incastonate nella roccia, al di sopra della sua Casa dei mandorli a Pennabilli, nel punto in cui si ammira la vallata, paese in cui ha abitato negli ultimi 25 anni e di cui ha detto “è il posto dove trovi te stesso!”. Tonino Guerra era ateo.

Se sei interessato all’acquisto di questo francobollo lo puoi acquistare al prezzo di € 1.50 inviandomi una richiesta alla email:[email protected]

Ti potrebbe interessare anche...