Crea sito

POSTE ITALIANE 9^ emissione del 21 Maggio 2020 di un francobollo dedicato alla Fabbrica Italiana Lapis ed Affini – F.I.L.A., nel centenario della fondazione

POSTE ITALIANE 9^ emissione del 21 Maggio 2020 di un francobollo dedicato alla Fabbrica Italiana Lapis ed Affini – F.I.L.A., nel centenario della fondazione

Il Ministero emette il 21 maggio 2020 un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “ le Eccellenze del sistema produttivo ed economico” dedicato alla Fabbrica Italiana Lapis ed Affini – F.I.L.A., nel centenario della fondazione, relativo al valore della tariffa B, corrispondente ad €1.10.

  • data / date 21 maggio 2020
  • dentellatura / serration 11
  • stampa / printing rotocalcografia
  • tipo di carta / paper type carta bianca autoadesiva
  • stampato / printed I.P.Z.S. Roma
  • tiratura / edition 500.000
  • dimensioni / dimension 30 x 40 mm
  • bozzettista/ designer a cura della Fabbrica Italiana Lapis ed Affini – F.I.L.A., e ottimizzato dal Centro Filatelico della Direzione Operativa dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.
  • num. catalogo/catalog num. Michel YT UNIF 4034

F.I.L.A. – Fabbrica Italiana Lapis ed Affini S.p.A. è un marchio di articoli per le arti visive e plastiche, la creatività e il disegno. Controllata dalla famiglia Candela, ha la sede a Pero (MI). Il gruppo possiede diciannove filiali in cinque continenti. È presente in cinquanta Stati, con undici stabilimenti e venti marchi.

STORIA

La F.I.L.A. fu fondata nel 1920 a Firenze da due discendenti delle famiglie degli Antinori e della Gherardesca. La scelta del giglio quale marchio, la cui stilizzazione è affidata a Severo Pozzati, in arte Sebo, è giustificata dal fatto che esso è il simbolo di Firenze. Nel 1956 l’azienda viene rilevata da un gruppo di dipendenti capitanati da Renato Candela. Successivamente, nel 1959, la sede dell’attività si sposta a Milano e contemporaneamente, in collaborazione con Lyra, incomincia la produzione della penna a sfera Lyretta. Nel 1964 Alberto Candela succede al padre Renato. Nascono sotto la sua direzione nuovi prodotti come Giotto Fibra e la linea Tiziano. Nel 1973 il “pennarello da scrittura” viene lanciato sul mercato, col nome Tratto-Pen. Questo nuovo modello riceve il premio Compasso d’Oro 1979 e in seguito è esposto al MoMA di New York. Nel 1992 Massimo Candela, figlio di Alberto, subentra al padre e diventa amministratore delegato. A partire dal 1994 F.I.L.A. comincia una politica di acquisizioni che comprendono Adica Pongo, storica azienda nel settore delle paste per modellare; Compania de Lapices y Afines Ltda, Papeleria Mediterranea SL., Giotto be-bè, l’americana Dixon Ticonderoga, una delle aziende storiche delle matite presente anche in Canada, Cina e Messico; la francese Canson (fondata nel 1557 dalla famiglia Montgolfier), Lyra, Lapicera Mexicana; Lycin e una quota di minoranza dell’indiana Writefine Products Private Limited (2011).

Nel 2015 c’è tensione al vertice della società tra i due fratelli Candela, Massimo e Simona, soci di controllo dell’azienda con il 52,2% attraverso la holding Pencil. Motivo: la gestione societaria. Cosa che spinge Simona a vendere le sue azioni facendo entrare nel capitale il fondo londinese Blue Skye che in questa operazione agisce in stretta partnership con il fondo americano Elliott. La vicenda finisce in tribunale in seguito al ricorso di Massimo Candela per il mancato rispetto del diritto di prelazione. Nel maggio 2018 continua l’internazionalizzazione dell’azienda: Fila compra per 340 milioni di dollari in contanti (325 milioni di enterprise value e 15 milioni di benefici fiscali) l’americana Pacon Holding, fondata nel 1951, sede a Appleton, nel Wisconsin, specializzata nella carta e nel materiale per la scuola, 10 stabilimenti (8 in Usa, uno in Gran Bretagna, uno in Canada) e 2.000 dipendenti. Nell’agosto 2019 cambio al vertice della società: Giovanni Gorno Tempini, ex responsabile di Cassa Depositi e Prestiti, è nominato presidente in sostituzione di Gianni Mion dimessosi alla fine di luglio.

Se sei interessato all’acquisto di questo francobollo lo puoi acquistare al prezzo di € 1.50. Inviami una richiesta alla email: [email protected]

ITALIAN POSTS 9th issue of 21 May 2020 of a stamp dedicated to the Italian Lapis and Affini Factory – F.I.L.A., on the centenary of the foundation

  • data / date 21 maggio 2020
  • dentellatura / serration 11
  • stampa / printing rotocalcografia
  • tipo di carta / paper type carta bianca autoadesiva
  • stampato / printed I.P.Z.S. Roma
  • tiratura / edition 500.000
  • dimensioni / dimension 30 x 40 mm
  • bozzettista/ designer by the Italian Lapis and Affini Factory – F.I.L.A., and optimized by the Philatelic Center of the Operational Management of the Printing and Mint Institute of the State S.p.A.
  • num. catalogo/catalog num. Michel YT UNIF 4034

On May 21, 2020, the Ministry issued an ordinary stamp belonging to the thematic series “The Excellencies of the production and economic system” dedicated to the Italian Lapis and Affini Factory – F.I.L.A., on the centenary of the foundation, relating to the value of tariff B, corresponding to € 1.10.

F.I.L.A.  – Fabbrica Italiana Lapis and Affini S.p.A. is a brand of articles for the visual and plastic arts, creativity and design. Controlled by the Candela family, it is based in Pero (MI). The group has nineteen branches on five continents. It is present in fifty states, with eleven factories and twenty brands.

HISTORY

The row. was founded in 1920 in Florence by two descendants of the Antinori and Gherardesca families. The choice of the lily as a brand, whose stylization is entrusted to Severo Pozzati, aka Sebo, is justified by the fact that it is the symbol of Florence.

In 1956 the company was taken over by a group of employees led by Renato Candela. Subsequently, in 1959, the headquarters moved to Milan and at the same time, in collaboration with Lyra, production of the Lyretta ballpoint pen began.

In 1964 Alberto Candela succeeds his father Renato. New products such as Giotto Fibra and the Tiziano line are born under his direction. In 1973 the “writing pen” was launched on the market under the name Tratto-Pen. This new model receives the 1979 Compasso d’Oro award and is subsequently exhibited at the MoMA in New York.

In 1992 Massimo Candela, Alberto’s son, took over from his father and became CEO. Since 1994 F.I.L.A. begins a policy of acquisitions which include Adica Pongo, historical company in the modeling paste sector; Compania de Lapices y Afines Ltda, Papeleria Mediterranea SL., Giotto be-bè, the American Dixon Ticonderoga, one of the historic pencil companies also present in Canada, China and Mexico; the French Canson (founded in 1557 by the Montgolfier family), Lyra, Lapicera Mexicana; Lycin is a minority share of the Indian Writefine Products Private Limited (2011).

In 2015 there was tension at the top of the company between the two brothers Candela, Massimo and Simona, controlling partners of the company with 52.2% through the Pencil holding. Reason: corporate management. Which pushes Simona to sell her shares by bringing the London fund Blue Skye into the capital, which in this operation acts in close partnership with the American fund Elliott. The story ends in court following the appeal by Massimo Candela for failure to respect the right of first refusal.

In May 2018, the internationalization of the company continues: Fila buys for 340 million dollars in cash (325 million enterprise value and 15 million tax benefits) the American Pacon Holding, founded in 1951, based in Appleton, Wisconsin, specializing in paper and school supplies, 10 factories (8 in the USA, one in Great Britain, one in Canada) and 2,000 employees.

In August 2019 change at the top of the company: Giovanni Gorno Tempini, former head of Cassa Depositi e Prestiti, is appointed president to replace Gianni Mion who resigned at the end of July.

If you are interested in purchasing this stamp, you can buy it at a price of € 1.50. Send me a request to the email: [email protected]