Crea sito

POSTE ITALIANE 60^ emissione del 15 novembre 2019 di un francobollo dedicato a Cesare Maccari, nel centenario della scomparsa

Posted By thecollectibles on Nov 15, 2019 | 0 comments


POSTE ITALIANE 60^ emissione del 15 novembre 2019 di un francobollo dedicato a Cesare Maccari, nel centenario della scomparsa

Il Ministero dello Sviluppo ha emesso il 15 novembre 2019 un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Patrimonio artistico e culturale italiano” dedicato a Cesare Maccari, relativo al valore della tariffa B, corrispondente ad €1.10.

  • data / date 15 novembre 2019
  • dentellatura / serration 13 1/2 x 13
  • stampa / printing rotocalcografia
  • tipo di carta / paper type carta patinata gommata
  • stampato / printed I.P.Z.S. Roma
  • tiratura / edition 500.000
  • fogli / sheet 45
  • dimensioni / dimension 30 x 40 mm (francobollo/stamp) foglietto 324×110 mm
  • foglietto/ tiratura-edition 100.000
  • costo / price B = € 1,10 francobollo €2,20 foglietto
  • bozzettista/ designer a cura di Poste Italiane e ottimizzato dal Centro Filatelico della Direzione Operativa dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.
  • num. catalogo/catalog num. Michel YT UN

Cesare Maccari (Siena, 9 maggio 1840 – Roma, 7 agosto 1919) è stato un pittore e scultore italiano. È stato anche un importante acquafortista.

Biografia

Nato nel 1840 a Siena, Maccari iniziò la sua attività artistica inizialmente come scultore; in seguito passò alla pittura, divenendo allievo di Luigi Mussini all’Accademia di Siena.

Dopo aver studiato i più importanti pittori veneti del XVI secolo, si recò a Firenze per studiare i grandi pittori rinascimentali fiorentini, quali Raffaello, Leonardo da Vinci ecc. Giunto a Roma, la famiglia Savoia, appena diventata la famiglia reale italiana, gli affidò la decorazione della Cappella Reale del Sudario, che finì di affrescare nel 1873.

La fama che gli derivò da questo importante lavoro aumentò dopo la realizzazione dei famosi affreschi nella «sala Maccari» (che non a caso prende il nome da lui) del Palazzo del Senato (1881 – 1888), affidatigli in seguito ad un concorso da lui vinto. Il 5 giugno 1888 fu iniziato in Massoneria nella Loggia Rienzi di Roma.

Nella natale Siena sono opera sua gli affreschi nella Sala del Risorgimento del Palazzo Pubblico; qui si conserva inoltre il quadro «Fabiola», che ottenne un grande successo ed il parere favorevole della critica in una mostra del pittore svoltasi a Roma nel 1870. Altri importanti affreschi si trovano nella chiesa della Consolazione a Genova, nella basilica cattedrale di Santa Maria Assunta di Nardò (Lecce).

Inoltre, considerati il suo capolavoro, sono gli affreschi della cupola del Santuario di Loreto (1895 – 1907).

Divenuto uno dei pittori di successo della Roma umbertina, Maccari partecipò alla lottizzazione del nuovo rione Ludovisi facendo realizzare, a partire dal 1902, il villino neogotico agli Horti Sallustiani (completo di torrette, parzialmente abusivo) che ancora mantiene il suo nome. Mentre si occupava di importanti lavori nel Palazzo di Giustizia di Roma, fu colpito da paralisi nel 1909; a seguito di ciò dovette abbandonare ogni attività. Morì a Roma nel 1919. È sepolto presso il Cimitero del Verano di Roma.

Se sei interessato all’acquisto di questo francobollo lo puoi acquistare al prezzo di €1.50, per il foglietto € 3.00. Inviami una richiesta alla email: [email protected]

POSTE ITALIANE 60th issue of November 15th, 2019 of a stamp dedicated to Cesare Maccari, on the centenary of his death

On 15 November 2019 the Ministry of Development issued an ordinary stamp belonging to the thematic series “Italian artistic and cultural heritage” dedicated to Cesare Maccari, relating to the value of tariff B, corresponding to € 1.10.

Cesare Maccari (Siena, 9 May 1840 – Rome, 7 August 1919) was an Italian painter and sculptor. He was also an important etcher.

Biography

Born in 1840 in Siena, Maccari began his artistic activity initially as a sculptor; he later went on to painting, becoming a pupil of Luigi Mussini at the Academy of Siena.

After studying the most important Venetian painters of the sixteenth century, he went to Florence to study the great Florentine Renaissance painters, such as Raphael, Leonardo da Vinci, etc. Once in Rome, the Savoy family, which had just become the Italian royal family, entrusted him with the decoration of the Royal Chapel of the Sudarium, which he finished painting in 1873.

The fame that derived from this important work increased after the realization of the famous frescoes in the “Sala Maccari” (which not by chance is named after him) of the Palazzo del Senato (1881 – 1888), entrusted to him following a competition by him won. On 5 June 1888 he was initiated in Freemasonry in the Loggia Rienzi in Rome.

In his native Siena, his frescoes in the Sala del Risorgimento of the Palazzo Pubblico are his work; here there is also the picture “Fabiola”, which achieved great success and the favorable opinion of the critics in an exhibition of the painter held in Rome in 1870. Other important frescoes are found in the church of the Consolation in Genoa, in the cathedral basilica of Santa Maria Assunta di Nardò (Lecce).

Moreover, considered his masterpiece, are the frescoes in the dome of the Sanctuary of Loreto (1895 – 1907).

Having become one of the most successful painters of Umbertine Rome, Maccari participated in the development of the new Ludovisi district, starting in 1902 with the Neo-Gothic house in the Horti Sallustiani (complete with turrets, partially abusive) which still retains its name. While working on important works in the Rome Palace of Justice, he was struck by paralysis in 1909; as a result of this he had to abandon all activity. He died in Rome in 1919. He is buried at the Verano Cemetery in Rome.

If you are interested in purchasing this stamp you can buy it for € 1.50, for the leaflet € 3.00. Send me a request to the email: [email protected]

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.