52^ emissione del 14 giugno 2024, di un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “ il Patrimonio Artistico e Culturale Italiano” dedicato alla TORRE di PISA

52^ emissione del 14 giugno 2024, di un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “ il Patrimonio Artistico e Culturale Italiano” dedicato alla TORRE di PISA, dal valore indicato in B Zona1, corrispondente ad €1,30

  • data emissione: 14 giugno 2024
  • dentellatura: 11  effettuata con fustellatura. 
  • dimensioni francobollo: 30 x 40 mm
  • tipo di carta: bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.
  • Grammatura:90 g/mq.
  • Supporto: carta bianca, Kraft monosiliconata da 80 g/mq.
  • Adesivo: tipo acrilico ad acqua, distribuito in quantità di 20 g/mq (secco).
  • stampato: I.P.Z.S. Roma
  • tiratura: 300.015
  • valoretariffa B Zona1 = €1,30
  • colori: quadricromia
  • bozzettista: Maria Carmela PERRINI
  • num. catalogo francobolloMichel ______ YT _______ UNIF ________
  • Il francobollo: raffigura la Torre di Pisa, il campanile della Cattedrale di Santa Maria Assunta che svetta maestosa in piazza del Duomo, conosciuta anche come Piazza dei Miracoli, dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Unesco nel 1987, simbolo iconico di Pisa e dell’Italia nel mondo. Completano il francobollo la legenda “TORRE DI PISA”, la scritta “ITALIA” e l’indicazione tariffaria “B ZONA 1”.

Se sei interessato all’acquisto di questo francobollo, lo puoi acquistare, al prezzo di €1,90 S.V.V., inviando una richiesta alla email: protofilia1@gmail.com

Questi sono alcuni prodotti correlati all’emissione del francobollo e precisamente: Folder, Cartolina Filatelica, Tessera filatelica e Bollettino Illustrativo. Se siete interessati ad uno o più di questi prodotti, contattatemi alla email: protofilia1@gmail.com e vi sarà confermato la disponibilità del prodotto

La torre di Pisa (popolarmente conosciuta come torre pendente e, a Pisa, il Campanile o la Torre) è il campanile della cattedrale di Santa Maria Assunta, nella celeberrima piazza del Duomo (Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO dal 1987) di cui è il monumento più famoso per via della caratteristica pendenza, simbolo di Pisa e fra i simboli iconici d’Italia. Si tratta di un campanile a sé stante alto 57 metri (58,36 metri considerando il piano di fondazione) costruito nell’arco di due secoli, tra il dodicesimo e il quattordicesimo secolo. Con una massa di 14 453 tonnellate, vi predomina la linea curva, con giri di arcate cieche e sei piani di loggette. La pendenza è dovuta a un cedimento del terreno sottostante verificatosi già nelle prime fasi della costruzione.

In questa foto si può ammirare sia la Torre di Pisa che l’attigua Cattedrale di Santa Maria Assunta

L’inclinazione dell’edificio misura 3,97° rispetto all’asse verticale. La torre è gestita dall’Opera della Primaziale Pisana, ente che gestisce tutti i monumenti della Piazza del Duomo di Pisa. È stata proposta come una delle sette meraviglie del mondo moderno.

Il logo del 850° anniversario della posa della prima pietra

Storia

La costruzione

I lavori iniziarono il 9 agosto 1173. Le fondazioni vennero lasciate a riposo per un anno intero. Alcuni studi attribuiscono la paternità del progetto all’architetto pisano Diotisalvi, che nello stesso periodo stava costruendo il battistero. La costruzione fu fermata durante l’inizio del terzo anello.

Le analogie tra i due edifici sono infatti molte, a partire dal tipo di fondazioni. Altri suggeriscono invece Gherardi, mentre secondo il Vasari i lavori furono iniziati da Bonanno Pisano. La tesi del Vasari fu ritenuta valida soprattutto dopo il ritrovamento nelle vicinanze del campanile di una pietra tombale col nome del Bonanno, murata nell’atrio dell’edificio; inoltre nell’Ottocento fu rinvenuto sempre nei dintorni un frammento epigrafico di materiale rosa, probabilmente un calco su cui venne fusa una lastra metallica, che trova collocazione sullo stipite della porta di ingresso dell’edificio. Su tale frammento si legge, rovesciato: “cittadino pisano di nome Bonanno”. Tale calco con tutta probabilità era relativo alla porta regia del Duomo, distrutta durante l’incendio del 1595.

La prima fase dei lavori fu interrotta a metà del terzo piano, a causa del cedimento del terreno su cui sorge la base del campanile. La cedevolezza del terreno, costituito da argilla molle normalconsolidata, è la causa della pendenza della torre e, sebbene in misura minore, di tutti gli edifici nella piazza.

I lavori ripresero nel 1275 sotto la guida di Giovanni di Simone e Giovanni Pisano, aggiungendo alla costruzione precedente altri tre piani. Nel tentativo di raddrizzare la torre, i tre piani aggiunti tendono a incurvarsi in senso opposto alla pendenza. Il campanile fu completato alla metà del secolo successivo, aggiungendo la cella campanaria.

I restauri

Dalla sua costruzione lo strapiombo è sostanzialmente aumentato, ma nel corso dei secoli ci sono stati anche lunghi periodi di stabilità o addirittura di riduzione della pendenza. Nel corso dell’Ottocento il campanile fu interessato da importanti restauri, che portarono, ad esempio, all’isolamento del basamento della torre. I lavori, effettuati sotto la direzione di Alessandro Gherardesca, contribuirono a sfatare definitivamente la teoria, sostenuta da alcuni studiosi dell’epoca, secondo la quale il campanile sarebbe stato pensato pendente sin dalla sua origine.

La Torre durante i lavori di consolidamento

Difatti, i saggi del terreno effettuati durante i restauri portarono alla luce la presenza di una notevole quantità di acqua sotterranea che rendeva cedevole il terreno. Per far fronte a questo problema, ne vennero aspirate grandi quantità dal sottosuolo con l’ausilio di pompe, ma ciò favorì il fenomeno della subsidenza e il conseguente aumento della pendenza della torre. Negli ultimi decenni del XX secolo l’inclinazione aveva subito un deciso incremento, tanto che il pericolo del crollo si era fatto concreto. Nel 1993 lo spostamento dalla sommità dell’asse alla base era stato valutato in circa 4,47 metri, ovvero circa 4,5 gradi.

Durante i lavori di consolidamento, iniziati nel 1990 e terminati alla fine del 2001, la pendenza del campanile è stata ridotta tramite cerchiatura di alcuni piani, applicazione temporanea di tiranti di acciaio e contrappesi di piombo (fino a 900 tonnellate) e sottoescavazione, riportandola a quella che, presumibilmente, doveva avere 200 anni prima. Inoltre, si è consolidata la base per consentire di mantenere in sicurezza la torre per almeno altri tre secoli, permettendo così l’accesso ai visitatori. A partire dal 2004, è iniziato il restauro di tutte le superfici lapidee esterne e il restauro e l’allestimento degli ambienti interni. Alcuni di questi interventi sono stati realizzati grazie ai fondi del gioco del Lotto, in base a quanto regolato dalla legge n. 662/1996.

Dal marzo 2008 la torre ha raggiunto il livello definitivo di consolidamento sotto il profilo dell’inclinazione, attestatosi di nuovo su 3,97°, un valore che dovrebbe rimanere inalterato per almeno altri 300 anni. Il successo dell’operazione è legato al nome di Michele Jamiolkowski, docente del Politecnico di Torino e presidente del Comitato internazionale per la Salvaguardia della Torre di Pisa dal 1990 al 2003, a quello di Carlo Viggiani, docente del Dipartimento di ingegneria geotecnica dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e presidente del Comitato internazionale per la conservazione dei monumenti e dei siti storici e a quello dell’ingegnere John Boscawen Burland, professore del Dipartimento di ingegneria civile dell’Imperial College di Londra.

Dopo vent’anni, il 22 aprile 2011 sono terminati i lavori di restauro delle superfici lapidee, sia sugli esterni sia negli interni.

Struttura

La struttura del campanile incorpora due stanze: una alla base della torre, nota come sala del Pesce, per via di un bassorilievo raffigurante un pesce; tale sala non ha soffitto, essendo di fatto il cavo della torre. L’altra invece è la cella campanaria, al settimo anello. Delimitata dalle mura del camminamento superiore, è anch’essa a cielo aperto e al centro, tramite un’apertura, è possibile vedere il pian terreno della torre. Sono inoltre presenti tre rampe di scale: una ininterrotta dalla base fino al sesto anello, dove si esce all’esterno; una, a chiocciola più piccola che porta dal sesto anello al settimo; infine una ancor più piccola, sempre a chiocciola, che porta dal settimo anello alla sommità.

Campane

  • Assunta – è la campana più grande del concerto ed emette la nota Si2 , il suo peso ammonta a 2600 kg. circa; venne fusa nel 1654 da Giovanni Pietro Orlandi;
  • Crocifisso – di nota Do#3 e peso di 1850 kg. circa, fusa originariamente nel 1572 da Vincenzo Possenti, rifusa nel 1818 da Gualandi da Prato;
  • San Ranieri – di nota Re#3 e peso 1150 kg. circa, fusa nel 1735 da Pier Francesco Berti di Lucca;
  • Dal Pozzo – di nota Sol3, fusa nel 1606 e danneggiata dai bombardamenti dell’ultimo conflitto mondiale, musealizzata e sostituita nel 2004 da una copia opera della fonderia Marinelli di Agnone del peso di 490 kg. circa;
  • Pasquereccia – di nota Sol#3 e peso di circa 1014 kg., fusa nel 1262 da Lotteringio di Bartolomeo (Locterineus de Pisis);
  • Terza – di nota la#3 e peso di circa 330 kg., realizzata da fonditori loreni o alsaziani nel 1473;
  • Vespruccio – la minore, di nota Mi4 e peso 120 kg. circa, realizzata nel XIV secolo e rifusa nel 1501.
La Cella Campanaria, dove ci sono delle bellissime campane

Le campane suonano prima delle messe in duomo e a mezzogiorno tramite un sistema di elettrobattagli.

Anticamente ogni campana era adibita a un momento della giornata liturgica. Ad esempio la Pasquereccia suonava per Pasqua, la Terza nell’ora terza del giorno (le nove di mattina), la campana del Vespruccio all’ora dei vespri (le sei del pomeriggio).

Si ha notizia di una campana sottratta alla chiesa di San Michele a Guamo, presso Lucca, poi rifusa per formare «nuovo concerto».

Piazza dei Miracoli, dove c’è la TORRE, la Cattedrale ed il Battistero … STUPENDA!!!

La campana di San Ranieri, si chiamava originariamente “Giustizia” e si trovava nell’omonimo palazzo. Soleva suonare per le morti dei traditori e, si suppone, suonò anche per la morte del conte Ugolino. Fu portata sul campanile nel XV secolo a sostituire l’originale Pasquareccia e rifusa in seguito nel 1606 (articolo parzialmente estrapolato dal sito Wikipedia e le foto da Google).

Testo bollettino

Le celebrazioni per la Torre di Pisa vanno oltre il mero mandato istituzionale a cui è chiamata l’Opera della Primaziale Pisana, costituendo piuttosto un vero e proprio privilegio: quello di poter omaggiare uno dei monumenti più celebri al mondo, simbolo esso stesso della genialità umana e della sua capacità di adattamento alle sfide più complesse.

Difatti il Campanile della Cattedrale di Pisa, fondato nel 1173, iniziò ben presto a pendere. Già nel 1179, ad appena sei anni dalla fondazione, lo stesso ideatore, Bonanno Pisano, arrestò il cantiere poiché il terreno sottostante aveva iniziato a cedere. E tuttavia un secolo dopo la caparbietà di quei costruttori fece sì che Giovanni di Simone, subentrato nella direzione delle fabbriche, rimettesse mano al cantiere del Campanile che, alla metà del XIV secolo, giunse al suo completamento con la cella campanaria di Tommaso Pisano.

Finalmente, grazie alle sette campane che la sormontano, la «Torre» poteva iniziare il proprio ruolo a servizio della Cattedrale, scandendo il tempo liturgico e divenendo al contempo uno tra i simboli più celebri dell’umanità, sfondo ad eventi storici come gli esperimenti sulla caduta dei gravi di Galileo Galilei e in generale un più ampio richiamo sonoro e visivo per tutti coloro che, ogni giorno, continuano ad affollare la Piazza dei Miracoli per poterne ammirare la perfetta inclinazione.

Andrea Maestrelli

Presidente Opera della Primaziale Pisana

Se sei interessato all’acquisto di questo francobollo, lo puoi acquistare, al prezzo di €1,90 S.V.P., inviando una richiesta alla email: protofilia1@gmail.com

/ 5
Grazie per aver votato!

You may also like...