43^ emissione del 31 maggio 2024, di un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica ” il Patrimonio naturale e paesaggistico” dedicato alla Città di IMPERIA

43^ emissione del 31 maggio 2024, di un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica ” il Patrimonio naturale e paesaggistico” dedicato alla Città di IMPERIA, dalla tariffa indicata in B. corrispondente ad €1,25

  • data emissione: 31 maggio 2024
  • dentellatura: 11  effettuata con fustellatura. 
  • dimensioni francobollo: 40 x 30 mm
  • tipo di carta: bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.
  • Grammatura:90 g/mq.
  • Supporto: carta bianca, Kraft monosiliconata da 80 g/mq.
  • Adesivo: tipo acrilico ad acqua, distribuito in quantità di 20 g/mq (secco).
  • stampato: I.P.Z.S. Roma
  • tiratura: 250.020
  • valoretariffa B = €1,25
  • colori: cinque
  • bozzettista: a cura del Centro Filatelico dell’Officina Carte Valori e Produzioni Tradizionali dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.
  • num. catalogo francobolloMichel ______ YT _______ UNIF ________
  • Il francobollo: riproduce una veduta aerea della città di Imperia in cui svetta, al centro, la Basilica concattedrale San Maurizio e Compagni Martiri; in alto, il logo del centenario della fondazione della città ligure. Completano il francobollo la scritta “ITALIA” e l’indicazione tariffaria “B”.
  • nota: la fotografia di Imperia è stata realizzata da Alessandra Scuticchio e riprodotta per gentile concessione del Comune di Imperia.

Se sei interessato all’acquisto di questo francobollo, lo puoi acquistare, al prezzo di €1,80, inviando una richiesta alla email: protofilia1@gmail.com

Questi sono alcuni prodotti correlati all’emissione del francobollo e precisamente: Folder, Cartolina Filatelica, Tessera filatelica e Bollettino Illustrativo. Se siete interessati ad uno o più di questi prodotti, contattatemi alla email: protofilia1@gmail.com e vi sarà confermato la disponibilità del prodotto

Imperia è un comune italiano di 42 452 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia in Liguria; situato nella Riviera di Ponente, è nato nel 1923 dall’accorpamento amministrativo di Oneglia (Ineja in ligure) e Porto Maurizio, rispettivamente a sinistra e a destra del torrente Impero, oltre che dei comuni minori di Borgo Sant’Agata, Caramagna Ligure, Castelvecchio di Santa Maria Maggiore, Moltedo Superiore, Montegrazie, Piani, Poggi, Torrazza e Costa d’Oneglia. È il secondo comune della provincia per popolazione dopo Sanremo, e il quinto della regione, dopo Genova, La Spezia, Savona e Sanremo.

Imperia si affaccia sul mare

Territorio

L’odierno centro urbano di Imperia comprende gli abitati di Porto Maurizio e Oneglia (che a sua volta comprende Castelvecchio), storicamente e geograficamente distinti.

Oneglia, a levante, è la parte più estesa della città, si estende nella breve piana alluvionale sulla sinistra della foce del torrente Impero, raccogliendosi intorno a piazza Dante, dalla quale si aprono alcune delle principali strade moderne della città. Ha costituito storicamente il centro industriale della città, legata principalmente alla produzione di olio di oliva. Era famosa per la produzione di pasta.

Subito a nord di Oneglia si trova il borgo di Castelvecchio di Santa Maria Maggiore.

Porto Maurizio, a ponente del torrente Impero (che dà nome alla città), è raccolto su un promontorio proteso nel mare sulla sinistra della foce del torrente Caramagna e si espande sulla cimosa costiera; ha una vocazione prevalentemente residenziale e turistica. È intricata e pittoresca, ricca di caruggi (vicoli), piccole creuze (viottoli) e palazzi di pregio.

Il territorio retrostante la città, al centro della Riviera dei Fiori, ha un andamento orografico caratterizzato da brevi valli, poste perpendicolarmente alla costa e uniformemente digradanti, nelle quali si sono sviluppati molti insediamenti che sono riusciti a conservare intatta o quasi la loro struttura originaria. I punto più alto del territorio comunale imperiese si trova 534 m s.l.m.

La coltura dell’olivo, introdotta intorno al XII secolo, ha segnato profondamente la storia del territorio imperiese, così come, secoli più tardi, hanno fatto i fiori e il turismo. Olivi coltivati su colline terrazzate (dette in dialetto locale fasce) con i caratteristici muretti a secco sono l’elemento dominante del paesaggio. 

STORIA

La creazione di Imperia avvenne il 21 ottobre 1923 con un decreto reale che riuniva undici preesistenti comuni in un unico comune, che ha preso il nome dal torrente Impero che scorre fra i due centri principali (per aggirare dispute campanilistiche sulla scelta del nome stesso).

Dal 1973 al 1º gennaio 2009 è stata la sede amministrativa della Comunità montana dell’Olivo, quest’ultima confluita nella Comunità montana dell’Olivo e Alta Valle Arroscia con la Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008.

Stemma

«Scudo partito: al primo di rosso, a quattro torri d’argento, merlate alla guelfa; col capo di Genova; al secondo d’argento, all’albero d’olivo sradicato al naturale; col capo di Savoia; in fregio le ornamentazioni di Città. »

Stemma cittadino

Monumenti e luoghi d’interesse

Architetture religiose

A Porto Maurizio:

  • Basilica di San Maurizio e Compagni Martiri;
  • Logge di Santa Chiara e convento delle Clarisse;
  • Oratorio di San Pietro;
  • Oratorio di Santa Caterina;

Ad Oneglia:

  • Basilica di San Giovanni Battista;
  • Chiesa di Santa Maria Maggiore a Castelvecchio;
  • Chiesa di San Camillo;

Architetture civili

A Porto Maurizio:

  • Palazzo Lercari-Pagliari;
  • Palazzo Lavagna;
  • Palazzo Strafforello;
  • Villa Carpeneto;
  • Villa Faravelli;
  • Villa Varese;

A Oneglia:

  • Palazzo Doria (dove nel 1466 nacque il famoso ammiraglio Andrea Doria);
  • Villa Grock, ritiro del famoso artista-pagliaccio svizzero della prima metà del Novecento;
  • Casa Rossa, villa su Capo Berta verso Diano Marina, già dimora del poeta Angiolo Silvio Novaro;
Imperia vista dall’alto

Monumenti

  • Monumento in bronzo a Giuseppe Garibaldi, raffigurato in riposo su uno scoglio, opera di Tancredi Pozzi del 1904. Nel 1923 la statua si trovava più in basso, sulla via Aurelia (poi viale Matteotti), poi fu spostata al centro della grande piazza Roma di Porto Maurizio (l’ex piazza dell’Annunziata, in quanto vicina all’omonimo convento, poi ricostruito e trasformato in sede scolastica) dove si trova tuttora.
  • Monumento in bronzo Ai Cap-Hornier, i tanti marittimi di tutti i paesi che, al tempo della navigazione a vela, avevano doppiato il mitico Capo Horn, sede di continue tempeste, mettendo a rischio la vita in ogni traversata. Il monumento, che raffigura un timoniere mentre affronta le intemperie coperto da una cerata, si trova alla base del Molo Lungo di Porto Maurizio, all’ingresso del porto.
  • Monumento a Edmondo De Amicis (in piazza della Vittoria), di Giacomo Giorgis: questo gruppo bronzeo, inaugurato il 15 maggio 1932, fu costruito in omaggio all’autore del romanzo Cuore, con il contributo di 10 centesimi da parte degli alunni di tutte le scuole d’Italia.

Se sei interessato all’acquisto di questo francobollo, lo puoi acquistare, al prezzo di €1,80, inviando una richiesta alla email: protofilia1@gmail.com

/ 5
Grazie per aver votato!

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.